LEANDRO BALLAN

di Umberto Martuscelli per Fiseveneto.com

Primo momento: lui ragazzino che galoppa in campagna e che pensa «Che meraviglia… Io voglio fare questo!». Ultimo momento: lui uomo che nel ruolo di istruttore porta i suoi allievi a vincere la medaglia d’oro a squadre nel campionato regionale veneto di completo. In mezzo a questi due momenti c’è tutta la vita di Leandro Ballan cavaliere e istruttore. Una vita bella perché legata sempre ai cavalli, passione del piccolo Leandro fin dal giorno in cui suo padre decide di inserire nella azienda agricola di famiglia un certo numero di box con relativi inquilini.

Leandro in quel momento ha solo sette anni (lui è nato a Castelfranco Veneto il 24 novembre 1978), siamo nel 1985, e così nasce il Circolo Ippico San Giorgio. Leandro si avvia pian piano verso il salto ostacoli seguito da diversi istruttori ma poi all’inizio degli anni Novanta scopre il completo: e la prima volta che si ritrova a galoppare appunto in campagna vive un’emozione così forte (e indimenticabile, come si dimostrerà nel corso degli anni a venire) da non volersene più distaccare.

Nel 1991 partecipa anche al suo primo Campionato d’Italia di dressage, consapevole del fatto che la buona qualità del lavoro in piano influenzi in modo determinante la preparazione del cavallo, ma anche quella del cavaliere. Poi nel 1994 si iscrive al Centro Equestre Veneto poiché nel frattempo il Circolo Ippico San Giorgio cessa l’attività e da quel momento si dedica stabilmente al completo, partecipando nel 1995 al suo primo Campionato d’Italia juniores coronato dalla conquista della medaglia di bronzo. Prova anche il sapore amaro della delusione: perché durante il ritiro in vista del Campionato d’Europa juniores il suo cavallo si infortuna…

Un modo del resto assai efficace per capire che il nostro sport non si fa con una macchina o con uno strumento inanimato: è consapevolezza utile e importante nel bagaglio di conoscenza di un istruttore di equitazione, ma il giovane Leandro in quel momento ancora non immagina che tale diventerà in futuro. Verrà ricompensato l’anno successivo, quando con la squadra azzurra juniores vince la medaglia di bronzo nel Campionato d’Europa di Blair Castle. Divenuto young rider, Leandro Ballan nel 1997 conquista la medaglia di bronzo nel Campionato d’Italia ma ancora una volta perde quello d’Europa a causa di un infortunio del suo cavallo.

Il 1998 è un anno importante: Leandro frequenta il corso Allievi Ufficiali in cavalleria a Montelibretti e per tre anni indossa la divisa, partecipando al Campionato d’Italia e a quello d’Europa sempre da young rider. Indossati nuovamente gli abiti civili, si apre un’altra importante esperienza per Ballan: due anni di lavoro e di gare internazionali in Polonia, sempre in completo. Al ritorno in Italia Leandro lavora in varie scuderie dell’area veneta: a Thiene incontra Stefano Fioravanti e ne diviene l’istruttore per tutto il periodo in cui il giovane e già promettente cavaliere veneto svolge l’attività da young rider; la collaborazione si interrompe tra loro quando Ballan inizia la sua attività in proprio a Pieve di Soligo (Treviso), risultandogli così molto faticoso – e anche oneroso – lo spostamento costante tra i due luoghi di lavoro: «Mi è molto dispiaciuto però», confida Ballan, «perché sia Stefano sia suo padre sono due persone meravigliose, rimaste sempre molto umili e con i piedi per terra nonostante i risultati eccellenti: oggi basta che uno vinca una 110 per ritenersi arrivato… ».

Pazienza, passione, modestia, disponibilità, competenza: ecco le caratteristiche ideali per un istruttore di equitazione, ed è proprio grazie a questa miscela di ingredienti che Leonardo Ballan a Pieve di Soligo – un piccolo paese che si trova ai piedi delle prealpi nell’alto trevigiano – riesce a riportare a nuova vita il Centro Ippico Tarvisium Stella, un impianto che esisteva dalla fine degli anni Ottanta ma che poi è andato quasi a morire fin tanto che Ballan e la sua fidanzata Letizia Morao, in fondamentale collaborazione con il proprietario dell’impianto Maurizio Stella, quattro anni fa non ne hanno rilevato la gestione attivandolo sia come scuola di equitazione sia come centro per l’organizzazione di eventi agonistici (di completo, ovviamente). Entrambe le attività stanno dando grandi soddisfazioni a Leandro e Letizia, come conferma la vittoria del campionato regionale vento di completo a squadre ottenuta con Emma Bassetto, Valeria Callegari e Dafne Russo sui terreni del Centro Equestre Veneto qualche giorno fa: «Un risultato molto significativo, in effetti», conferma Ballan. «Sono molto contento perché in tre anni le soddisfazioni ci sono state. Una volta ottenute, però, bisogna dimenticarle e mettersi subito al lavoro per l’obiettivo prossimo». Parola di Leandro Ballan.

Potrebbero interessarti anche...